IL DOVERE DI ESSERCI

Tante volte ci siamo trovati insieme a parlare ripetendoci che, nella nostra Città, le cose non vanno bene, ma poche volte, poi, abbiamo deciso di fare qualcosa. Si ripete che ad amministrare la Città sono sempre “GLI STESSI” e che sono tutti uguali, ma non si va mai oltre il lamento. E' giunta l'ora di smetterla con questo ritornello, e far che Oria venga amministrata in maniera diversa ed innovativa.
Oggi, come tanti nostri concittadini, personalmente non mi sento rappresentato dagli schieramenti dei partiti politici; da quei soggetti, che ora aderiscono ad un partito e, fra dieci minuti, sono già altrove in cerca di “gloria” esclusivamente personale. I partiti sono manovrati dall'alto, dalle segreterie provinciali, che hanno interessi che non sempre collimano con quelli del popolo. Bisogna fare in modo che ci si avvicini alla politica senza aver paura di compromettere la vita di relazione, che i giovani smettano di pensare che solo l’appartenenza ad un partito politico o l’amicizia di qualcuno, anziché il merito e le capacità, possano consentire di raggiungere risultati importanti. Per questo io e qualche altro amico di questo gruppo abbiamo deciso di stare fuori dai partiti e di non allearci con nessuno. Se ci uniamo con la collaborazione e la partecipazione di tutti possiamo creare una lista civica e tentare di raccogliere i voti sufficienti per avere qualche rappresentante in Consiglio Comunale. In questi i ultimi anni ci ha deluso chi ha governato ma anche chi è stato all'opposizione. Bisogna dare una svolta, ma senza ritornare al passato, con idee nuove, con persone nuove e con il coraggio di partecipare direttamente alla vita della Città (e con ciò mi riferisco anche all'esempio che finora ho dato con le denunce pubbliche sul mio blog e su Il Controvento - www.arpa-oria.com - www.ilcontrovento.it ) Per un futuro migliore, non lasciamo che siano sempre “GLI STESSI” a decidere per NOI. Vogliamo provare? Cominciamo a dire la nostra in questo gruppo (su Facebook: LA LISTA TI LU PILU - Persone indipendenti libere unite) e pensiamo seriamente ad organizzare un incontro a breve per gettare le basi di questo progetto che a mio parere non è utopico. Franco Arpa da Oria

PUBBLICATO IL MIO PROGRAMMA AMMINISTRATIVO IN QUALITA' DI CANDIDATO SINDACO DEL P.I.L.U.

CLICCARE QUI.

domenica 17 aprile 2011

ECCO COME DOVETE VOTARE IL 15 e 16 MAGGIO

Cliccare più volte sull'immagine per ingrandire:
Sul rigo a destra del simbolo dovete scrivere il nome di un dandidato consigliere del P.I.L.U. da scegliere fra i seguenti:
- Galluzzo
- Di Levrano
- Massa
- Ariano Giuseppe
- Stramaglia
- Ferrara
- Calò
- Vitella
- Antermite
- Ariano Antonio
- Denuzzo
- Arpa
- Dell'Aquila
- De Gaetani

......

sabato 26 marzo 2011

PROBLEMA TENDOPOLI LIBICI-TUNISINI PRESSO EX CAMPO AVIAZIONE NEI PRESSI DI ORIA.

COMUNICATO STAMPA DEL 25.3.2011
“Per il momento non esprimo un giudizio su questa decisione che, a questo punto, mi pare siamo destinati a subire, d’accordo o in disaccordo con essa. L’unica cosa che posso dire, in attesa di sviluppi, è che mi auguro l’apertura quanto prima di un tavolo di concertazione per discutere tutti assieme problematiche e prospettive che l’arrivo in loco di centinaia e centinaia di migranti inevitabilmente comporterà. Spero che la fretta e la segretezza che stanno accompagnando l’allestimento della tendopoli scaturiscano dalla situazione di emergenza e non dal disinteresse per le popolazioni locali, che avranno diritto a eque misure compensative e al giusto sostegno in questa particolare fase”.
Franco Arpa

lunedì 7 marzo 2011

E' FRANCO ARPA IL CANDIDATO SINDACO DEL P.I.L.U.

(Fonte: www.ilcontrovento.it)
ORIA -
Come annunciato nei giorni scorsi, è stato ufficializzato nel corso della riunione tenutasi la mattina del 6 marzo in Piazza Manfredi, cui hanno preso parte numerosi simpatizzanti, il candidato sindaco del movimento P.I.L.U. (Persone indipendenti libere unite) per Oria: è l'ispettore superiore di polizia in pensione, nonché noto blogger cittadino, Franco Arpa, Cavaliere dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana. "La Lista Pilu - ha spiegato Arpa, indicato all'unanimità quale candidato sindaco ideale, durante l'incontro - punta a conquistare il consenso di quegli oritani delusi dalla politica tradizionale, quella che negli ultimi anni è stata foriera soltanto di litigi intestini e immobilismo totale. Puntiamo al consenso onesto, senza la raccolta indifferenziata dei voti casa per casa, e a convincere a votare anche quell'oltre 30 per cento di elettori che la scorsa tornata hanno preferito votare scheda nulla, scheda bianca, oppure rimanersene a casa anziché votare per i soliti noti". (ez)

RASSEGNA STAMPA: NUOVO QUOTIDIANO DI PUGLIA IN EDICOLA OGGI

CLICCARE QUI.

domenica 27 febbraio 2011

GLI OLII VEGETALI ESAUSTI (olio fritto da cucina) VANNO RACCOLTI E CONFERITI CON LA DIFFERENZIATA.

AL COMMISSARIO STRAORDINARIO DEL COMUNE di Oria, nonché Presidente del Consorzio Ato BR/2

Alla cittadinanza oritana

OGGETTO: RACCOLTA DIFFERENZIATA RIFIUTI - CONFERIMENTO OLII VEGETALI ESAUSTI.

PREMESSO CHE:
La S.V. con propria ordinanza n.01/prot.n.1070 datata 20 gennaio scorso, ha rammentato alla cittadinanza le disposizioni concernenti il conferimento e la raccolta di rifiuti urbani differenziati;

CONSIDERATO CHE:

- in detta ordinanza non si fa riferimento alcuno alla raccolta ed al conferimento degli olii vegetali esausti;
- secondo un apposito studio è stato accertato che "UN LITRO DI OLIO rende non potabile CIRCA UN MILIONE DI LITRI D’ACQUA, quantità sufficiente per il consumo di acqua di una persona per 14 anni; DA UN CHILO DI OLIO VEGETALE USATO si ricavano 0,8 chili di base lubrificante rigenerata: un risparmio energetico non trascurabile se si pensa che l’alternativa al prodotto rigenerato sarebbe costituita da olio minerale sintetico derivante da prodotti petrolifici. Il 20% di residuo che deriva dalla rigenerazione può essere utilizzato in impianti adatti (in genere cementifici).

CHIEDE ALLA S.V. ILL/MA:
- di disporre che, alla pari di quanto avviene nella città di Brindisi, il gestore unico Monteco-Cogeir srl si organizzi affinché possa essere prelevato gratuitamente al domicilio degli utenti (su richiesta) l'olio fritto, il quale ha un notevole impatto ambientale, dovuto al non corretto smaltimento attraverso la rete fognaria cittadina.

In attesa di riscontro si porgono distinti saluti.
Franco Arpa
Referente Movimento P.I.L.U.

I SACCHETTI PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEVONO ESSERE CONSEGNATI AL DOMICILIO A CURA DELLA MONTECO.

AL COMMISSARIO STRAORDINARIO DEL COMUNE di Oria,
nonché Presidente del Consorzio Ato BR/2

Alla cittadinanza oritana

OGGETTO: Consegna a domicilio sacchetti per raccolta differenziata.

Ricordo a me stesso che a pag.77 del Progetto di Esecuzione dei Servizi - Relazione Tecnica Generale - della Monteco Cogeir, così è scritto:

".... la distribuzione dei sacchi in polietilene previsti per la raccolta domiciliare dei rifiuti di carta e plastica sarà organizzata mediante distribuzione alle utenze, per due volte nell'arco dell'anno, del numero dei sacchi di ogni tipo sufficienti a coprire il fabbisogno di 6 mesi di raccolta, con attestazione di ricezione. Per la consegna porta a porta del materiale opportunamente confezionato si farà ricorso a ditte locali specializzate in attività di volantinaggio."

Pertanto, considerato che tutte le utenze hanno già esaurito (o stanno per esaurire) la scorta di sacchetti in dotazione, si prega la S.V. ill/ma di disporre affinchè avvenga quanto prima la consegna a domicilio come previsto dal contratto, al fine di non creare un disagio all'utenza e nel contempo evitare un illecito arricchimento da parte del gestore Monteco-Cogeir.

Grazie.
Distinti saluti.

Franco Arpa
Referente Movimento P.I.L.U.

giovedì 24 febbraio 2011

NOI NON APPOGGIAMO NE' CARBONE NE' POMARICO!

MOVIMENTO POLITICO P.I.L.U. (Persone Indipendenti Libere Unite) COMUNICATO STAMPA

Alla luce delle varie ed insistenti voci che circolano in città che ci danno alleati dell'una o dell'altra coalizione costituitesi attorno ai candidati sindaci Pomarico e Carbone, riteniamo opportuno smentire categoricamente siffatte ipotesi e ribadiamo che è nostra intenzione continuare a lavorare al fine di presentare alle prossime elezioni comunali una propria lista, con un proprio candidato sindaco e relativo programma elettorale.

Sia il candidato della cosiddetta coalizione di centrodestra Carbone che quello della cosiddetta coalizione di centrosinistra Pomarico rappresentano quanto di più lontano possibile dalle idee alla base della Lista Pilu, che non a caso nasce proprio in contrapposizione alla politica e ai politicanti tradizionali locali. Da parte nostra c'è il massimo rispetto per le persone che costituiscono e si riconoscono in quegli schieramenti, ma un conto è il rispetto personale, un altro quello politico. Se noi ci consideriamo diversi, dal nostro punto di vista migliori o quantomeno coerenti, è solo ed esclusivamente sotto il profilo politico: per noi la politica è servizio e ci piacerebbe che tale fosse per chiunque.

L'intenzione di presentare una lista PILU alle prossime amministrative c'è, ma al momento non possiamo dire con certezza che ci sarà una Lista. Dipende da tanti fattori, in primis la condivisione e il sostegno della gente, specie di quanti sin dall'inizio ci avevano manifestato affetto e interesse per l'iniziativa. In ogni caso, comunque, teniamo a ribadire che, a scanso di equivoci, qualora davvero una Lista Pilu dovesse scendere in campo, lo farà in solitaria: cioè con un proprio candidato sindaco e 16 candidati consiglieri.

Presentare una lista, peraltro, oggi come oggi, sarebbe quanto mai doveroso per dare ai cittadini un'alternativa ai due poli così come costituiti. Ciò anche per scongiurare un probabile aumento dell'astensionismo e la facilità per uno dei due candidati di vincere al primo turno. Quindi, né con Carbone né con Pomarico, che peraltro a tutt'oggi non abbiamo ancora sentito parlare di programmi ma solo di simboli, sigle, movimenti, associazioni e quant'altro. Ma non di programmi". E se, alla fine, la Lista Pilu non dovesse presentarsi alle urne, pazienza. Continueremmo a fare attività politica dalla parte del cittadino, astenendoci, come Movimento, a supportare ufficialmente l'uno o l'altro candidato.

CAMPAGNA ADESIONI ALLA LISTA P.I.L.U.

IL DOVERE DI ESSERCI

Per dire BASTA al clientelismo e alla cattiva gestione del Comune bisogna esserci. Non è sufficiente dire che le cose non vanno bene, che i politici sono tutti uguali, che promettono e non mantengono.Bisogna provare in prima persona a presentarsi alle ELEZIONI e a scegliere gente ONESTA che alla politica ha molto da dare e NULLA da chiedere. Politica significa arte di amministrare la cosa pubblica, ma molti non lo sanno e subito dopo le elezioni trasformano il Comune in proprietà privata, spariscono e scendono di nuovo in piazza solo quando ci sono le elezioni promettendo mari e monti.
Per il Movimento P.I.L.U. la politica non è un lavoro, ma un servizio alla comunità.
Il Movimento P.I.L.U. apre le porte agli ORITANI che sono stufi di tutto questo e vogliono attivarsi per rendere ORIA una città più VIVIBILE e TRASPARENTE,LIBERA e INDIPENDENTE dai gruppi di potere che in questi anni l’hanno amministrata nella maniera che è o dovrebbe essere sotto gli occhi di tutti.
Il Movimento Politico P.I.L.U. per Oria intende presentarsi con un proprio candidato sindaco e una propria lista alle prossime elezioni amministrative per offrire una valida alternativa alla politica tradizionale e per portare finalmente, nei fatti e non con la parole, una ventata di freschezza e trasparenza.
PER INFORMAZIONI E ADESIONI: www.lalistatilupilu.it / listatilupilu@libero.it - tel: 349.5332550;338.2921322

Se volete conoscerci venite a trovarci domenica 6 marzo, alle ore 10:00, presso il Caffè Sedile, Piazza Manfredi – Oria.

martedì 22 febbraio 2011

OGGI LE COMICHE, OVVERO IL CAMALEONTISMO, IL TEATRINO DELLA POLITICA.... E DEI POLITICANTI.

Ciò che sta accadendo ad Oria in questa fase propedeutica della imminente campagna elettorale mi ricorda uno dei tanti "culacchi paesani" che mi raccontava la buonanima del mio babbo quando ero ragazzino.

In una casa di campagna viveva da solo un uomo di origini leccesi (un poppito insomma... come si diceva una volta). Una notte sentì dei rumori provenire dall'attigua stalla e pensando alla presenza di ladri si mise ad urlare all'impazzata simulando voci diverse per far credere che oltre a lui vi fossero altre persone in casa che potevano dargli manforte. Gridava così il furbo malcapitato: "Jeu, lu Frajeu, lu Campalacasa, Jeuuuuuuuuuuuuuuuu!" Ciò non servì a spaventare i ladri, i quali con del filo di ferro bloccarono dall'esterno la porta del locale in cui vi era il leccese e rubarono tutti gli animali custoditi nella stalla.

Dopo questa premessa vorrei richiamare la vostra attenzione su recenti comunicati stampa di due candidati sindaci alle prossime elezioni di Oria. Sembra una gara a chi la spara più grossa .... in termini di numero di liste a supporto.

Con Mimino Pomarico dovrebbero esserci: "NOI CENTRO con Ferrarese, - P.D.- U.D.C.- S.E.L.-IO SUD- NOI SUD autonomia e libertà e Lista Civica Cittadina (pare di Tommaso Carone, ex consigliere e segretario del PD, nonché candidato sindaco del centrosx nel 2006).

Con Pino Carbone dovrebbero esserci: "il Popolo della Libertà, Impegno Sociale, Futuro e Libertà, La Puglia Prima di Tutto, Io Sud, La Fiamma Tricolore, La Destra e -diverse- liste civiche ed associazioni.

Avrete notato che ho usato il condizionale scrivendo "dovrebbero esserci" in quanto potrebbero esserci delle correzioni dovute a vari motivi (ripensamenti, mancati accordi, pressioni da segreterie provinciali).

Infatti sul quotidiano Senzacolonne di oggi abbiamo potuto leggere un'articolo in cui si diceva:

"...effettivamente un problema c’è all’interno del direttivo provinciale del movimento Io Sud. Non si trattava di un errore di stampa, la presenza del partito in entrambi i comunicati che ufficializzavano le candidature dei due candidati a sindaco di Oria (di segno ovviamente opposto) è testimonianza di una frattura che potrebbe essere molto difficile da ricucire. Il responsabile cittadino di Io Sud, forza politica fondata dall’onorevole Adriana Poli Bortone, Francesco Schifone (nella foto), assicura che il sostegno andrà a Pino Carbone, aspirante primo cittadino che è appoggiato dal Pdl e da tutte le forze di centro destra. Diversamente la pensa Natale Curia, il più alto in grado (al momento) in provincia di Brindisi, essendo per Io Sud assessore della giunta Ferrarese. Per lui il candidato è Cosimo Pomarico, di Noi Centro con Ferrarese. Nella coalizione presentata il 30 gennaio c’è il Pd, l’Udc, Sel, Noi Sud, e anche Io Sud. A più di qualcuno è sorto il dubbio che si trattasse di uno sbaglio. O di un malinteso. Ma invece, così non è.
O meglio non lo è relativamente alle decisioni assunte o non assunte. Potrebbe trattarsi di un fraintendimento soltanto l’inserimento della lista (per altro non ancora formata) in entrambe le note stampa inviate ai giornali. Non si sa bene cosa abbia convinto i rispettivi candidati a includere nell’elenco delle forze che li supportano anche il movimento di Adriana Poli Bortone."

Sempre nella giornata di oggi Nicola DIPIERRO con un comunicato inviato alla redazione de Il Controvento, fugando ogni sorta di dubbio, ha confermato che egli sta dalla parte di Pomarico:
"E’ opportuno che si sappia, anche se è noto a tutti, che il sottoscritto ed il suo partito non potrebbero mai stare al fianco del PDL di Oria; quel PDL che tanti guasti ha fatto in Oria ed i cui segni erano, sono e saranno visibili nel tempo in quanto hanno già portato questa comunità ad una povertà concreta.
Per quanto espresso ribadisco di essere stato opposizione a questa anomala amministrazione di centro destra e tale rimarrò nel tempo, ed in concomitanza affermo, senza paura di essere smentito da chicchessia, che lo stesso onorevole Luciano SARDELLI mai ha avuto a pronunciarsi favorevolmente verso questo anomalo PDL di Oria."
Mi sono fatto delle risate ... che non vi dico! Perché? Vi rispondo subito: ho pensato a quel leccese del culacchio di cui in premessa che non riuscì a convincere i ladri circa il fatto che non era solo in casa. Mi chiedo e vi chiedo: "questi nostri onorati concittadini che scrivono certe perle di comunicati stampa sono convinti che riescono a convincerci?".
Una cosa è certa: a me non mi convincono.... e a voi?

Ricordo a me stesso che:

- Franco Schifone (segretario scuola elementare Camillo Monaco), si candidò alle provinciali del 2009 con la lista "IO SUD" a sostegno del candidato presidente Ferrarese (e quindi insieme a Mimino Pomarico). Lo votarono appena 54 oritani pari allo 0,69 %. Non è mai esistita su Oria una sezione o circolo di detto Movimento Politico e non è mai stato pubblicato alcun comunicato, manifesto, volantino od altro, circa problematiche cittadine di interesse generale.

- Nicola Dipierro (ex dipendente AQP, assessore durante i primi 16 mesi della Giunta Moretto del 2001), si candidò alle provinciali del 2009 con la lista "MPA Movimento per le autonomie" a sostegno del candidato presidente Saccomanno (e quindi dalla parte del PDL, insieme al decaduto sindaco Ferretti.) Lo votarono appena 86 oritani pari all'1,09 %. Non è mai stato pubblicato alcun comunicato, manifesto, volantino od altro, circa problematiche cittadine di interesse generale, a firma di Nicola Dipierro. Pertanto mi riesce difficile capire dove e come il Dipierro ha fatto "opposizione a questa anomala amministrazione di centro-destra" (riferendosi alla decaduta giunta Ferretti).

Sarà capace a smentirmi l'amico Nicola Dipierro? Così come ha fatto con la redazione de Il Controvento, scrivendo: "Nicola DIPIERRO smentisce nel modo più categorico quanto affermato nell’articolo in quanto frutto di cattiva, inesatta e tendenziosa informazione" ???.
Ah... dimenticavo un altro particolare. Dipierro parla a nome del partito (di Oria). Voi sapevate dell'esistenza di tal partito su Oria? Chi sono? Quanti sono? Lo scopriremo a breve.... a meno che... "Jeu, lu Frajeu, lu Campalacasa, Jeuuuuuuuuuuuuuuuu!" E comunque quei 86 voti presi alle provinciali 2009 dal Dipierro sono significativi della portata di questo fantomatico partito oritano, appena una manciata di voti in più del fantomatico partito "IO SUD" di Franco Schifone.

Con questo, ovviamente, non voglio illudermi che un'eventuale lista P.I.L.U. possa fare di meglio in una competizione elettorale, ma la giusta analisi di parte della recente storia politica oritana è quella sopra illustrata.

Vedremo.... disse il cieco!
Franco Arpa, Pilu.... cchiù pilu pi tutti!!!!

sabato 12 febbraio 2011

ORIA - Contributo a fondo perduto per l’abbattimento delle barriere architettoniche negli edifici privati.

Dal sito web del Comune di Oria:

SETTORE SERVIZI SOCIALI E SCOLASTICI

Contributo a fondo perduto per l’abbattimento delle barriere architettoniche negli edifici privati

LA RESPONSABILE DEL SETTORE

nel rispetto della legge 9 gennaio 1989 n.13 che prevede, tra l’altro, l’erogazione di contributo a fondo perduto per la realizzazione di opere finalizzate al superamento ed all’eliminazione delle barriere architettoniche, negli edifici esistenti, con i criteri di cui al comma 2, dell’art.9 della predetta legge che di seguito vengono indicati:
1) Per spese fino ad euro 2.528, 28 il contributo è pari al 100% della spesa effettivamente sostenuta;
2) Per spese superiori ad euro 2.528,28 il contributo è pari alla suddetta somma maggiorato del 25% della spesa eccedente gli euro 2.528,28;
3) Per spese fino ad euro 12.911, 41 l’importo viene maggiorato di un ulteriore 5% per la parte eccedente gli euro 12.911,42, con un tetto massimo di euro 51.645,70.

INFORMA
Che possono ottenere i contributi:
• I portatori di menomazione o limitazioni funzionali permanenti, ivi compresa la cecità, ovvero quelle relative alla deambulazione e alla mobilità;
• Coloro che abbiano a carico i citati soggetti, ai fini delle detrazioni IRPEF, per carichi di famiglia;
• I condomini ove risiedono le suddette categorie di beneficiari;
• I centri o istituti residenziali per l’assistenza agli handicappati.

La richiesta deve essere presentata al protocollo del Comune e pervenire entro e non oltre il 1° marzo 2011, indicando le opere da realizzare e la spesa prevista.

I contributi saranno assegnati, in rapporto alla disponibilità finanziaria ed erogati a presentazione delle fatture dei lavori debitamente quietanzate.
Dalla residenza Municipale, lì 10 febbraio 2010

LA RESPONSABILE DEL 2° SETTORE
(Antonella Gobbi)

venerdì 11 febbraio 2011

A Pomarico dico: "NON MI CHIUDO IN SANO, OPPORTUNO E VIRTUOSO SILENZIO".

CLICCARE QUI PER LEGGERE LE SCUSE PUBBLICHE DI MIMINO POMARICO SUCCESSIVE A QUESTO POST.
-----------------
Apprendo in questo momento del contenuto di questo articolo pubblicato stasera su www.carpediemoria.it.
Preliminarmente devo ammettere di aver equivocato il senso della delibera di giunta provinciale n.55 del 22/02/2010 laddove è scritto:
[ 6. di non dover accogliere, giusti i motivi innanzi espressi, le proposte di nuove istituzioni di cui ai punti da 1 a 9 riportati in narrativa;]
Per una svista e non per altro ho letto -di cui ai punti 1 e 9-.

DI QUESTO FACCIO PUBBLICA AMMENDA E CHIEDO SCUSA ALL'AMICO MIMINO POMARICO, il quale non può certamente rimproverarmi di non aver pubblicato integralmente la delibera in questione che era visionabile cliccando sull'immagine presente in questo articolo http://www.lalistatilupilu.it/2011/02/giu-la-maschera-ecco-la-prova-che.html

L'equivoco sarebbe stato subito chiarito con un comunicato da parte del Pomarico il quale ha invece preferito caricare la molla per poi sparare al momento opportuno..... guarda caso ... forse ..... come reazione ad un video da me pubblicato su YouTube nel primo pomeriggio di oggi. ==>Questo<==

A mio parere ciò cambia ben poco in quanto rimangono valide tutte le argomentazioni dettagliate in questo articolo http://www.lalistatilupilu.it/2011/02/proposito-del-liceo-scientifico.html e riprese da altri organi di stampa.

Non riesco a capire a cosa si riferisca con il passaggio: [Ci sono molti punti negativi che mi spingono ad essere decisamente critico nei suoi confronti, uno per tutti è quello relativo alla sua offensiva manipolazione sull’invito diffuso in tutta Italia da parte del mio Assessorato e della Provincia di Brindisi, ridicolizzando con immagini indecorose e di sua inventiva, il Convegno tenuto presso il Castello di Oria che ha portato qui, nella nostra Città, più di duecento operatori turistici di livello nazionale ed internazionale.]

Non ho mai manipolato o ridicolizzato alcunchè e forse l'amico Pomarico ha preso (al par mio) una cantonata ritenendo mio il blog di QUELLI_DELLA_LANTERNA_LA_SATIRA_PAESANA i quali hanno confezionato il seguente post: http://oriaamicidellalanterna.blogspot.com/2011/01/la-campagna-ti-aspetta.html
Quindi avrà ritenuto anche opera mia l'articolo di satira con la scritta IL BUON SESSO FA BENE ALLA SALUTE PUBICA di cui al seguente articolo, sempre dello stesso blog: http://oriaamicidellalanterna.blogspot.com/2011/01/e-ufficiale-sina-si-e-candidata.html

Ciò mi ha fatto comunque capire il motivo per il quale il Pomarico nutre dei rancori verso la mia persona. Semplicemente a causa di una emerita cantonata. Comprendo.... è umano sbagliare!
Mi aspetto delle scuse pubbliche in tal senso così come ho fatto io con lui in premessa di questo commento. Ripeto: quel blog AMICI DELLA LANTERNA non ha nulla a che fare con la mia persona.

Piaccia o non piaccia all'amico Pomarico continuerò a dire la mia senza tener conto dei suoi saggi consigli di chiudermi in un ".. sano, opportuno e virtuoso silenzio....".

Attendo comunque l'esito finale di questa storia (cosa deciderà la Regione Puglia?)

Grazie e distinti saluti all'amico Pomarico al quale consiglio di cambiare chi gli dà consigli e suggerimenti circa questioni di blog e di network sociali.
Franco Arpa

I CANDIDATI SINDACI DELLE PROSSIME ELEZIONI AD ORIA CI DICANO LE LORO INTENZIONI CIRCA LA COSTRUZIONE DI UN ARCO TRIONFALE.

Il candidato sindaco Mimino Pomarico nell'agosto 2010 si è già espresso in modo favorevole (vedere video qui pubblicato). Aspettiamo di sentire il parere anche degli altri. Evidenzio che su Facebook è presente un sondaggio che finora ha dato il seguente risultato: FAVOREVOLI 101; CONTRARI 165 .... a voler fare i malpensanti .... viene da chiedersi se dopo la pubblicazione di questo post vi sarà un'impennata di una delle due opzioni.
Personalmente sono contrario e mi sono già abbondantemente espresso attraverso il mio blog www.arpa-oria.com.
Per approfondimenti cliccare QUI. .......................(Franco Arpa)

giovedì 10 febbraio 2011

MIMINO POMARICO VITTIMA DI ATTACCHI STRUMENTALI? DAVVERO? BAH....

Riferimento odierni articoli su Il Controvento e su CarpediemOria con i quali Mimino Pomarico denuncia pubblicamente di essere vittima di ATTACCHI STRUMENTALI ... senza specificare da parte di chi.

Siccome ritengo di avere abbastanza sensibilità ed acume da poter riuscire a leggere fra le righe, ho motivo di ritenere che il seguente passaggio [Al punto in cui siamo, proprio per evitare mascherate e qualche volta anche maligne strumentalizzazioni sulla questione, da parte di personaggi che fanno informazione senza informarsi e riflettere] possa riferirsi anche (se non eslusivamente) alla mia persona. Mi riservo pertanto di rispondere in modo adeguato dopo essermi informato e dopo aver riflettuto, in considerazione anche del fatto che altri soggetti potrebbero scrivere qualcosa in merito nelle prossime ore. Il tutto senza maschera, in modo diretto, senza demagogia, panegirici e perifrasi di sorta.

Devo sommessamente anche dire che "GLI ATTACCHI" sono stati perpetrati nei confronti di tanti cittadini ignari ai quali va spiegato tutto dall'inzio alla fine di questa storia che ancora non si è conclusa poiché adesso si deve esprimere in merito la Regione Puglia. Non è da escludere inoltre che su questa vicenda possa aprirsi una crisi all'interno dell'amministrazione prov/le se si considera che potrebbe non essere casuale l'assenza dei due assessori prov.li francavillesi nella giunta di ieri (http://portaledelcittadino.provincia.brindisi.it/openweb/pratiche/getDoc.php?f=documenti/SYSADM_01_13100211.PDF).
Da cittadino oritano mi piacerebbe avere chiarimenti circa il contenuto della delib. prov.BR N. 55 in ata 22-02-2010, in cui compare anche il nome di Pomarico, con la quale già per l'anno scolastico 2010/2011 si chiedeva alla Regione Puglia per il Liceo Scientifico “F. Ribezzo”, di Francavilla Fontana l'istituzione dell'opzione “Scienze applicate”.
Ci resta quindi da attendere eventuali comunicati stampa da parte del PD di Francavilla (visto che nelle scorse settimane aveva difeso a spada tratta l'opzione Liceo Tecnologico nella città degli imperiali http://www.brundisium.net/notizie/shownotiziaonline.asp?id=35225 ). Attendiamo altresì di sapere cosa deciderà la Regione Puglia e se si farà in tempo a bloccare l'apertura a Francavilla della sezione Scienze Applicate presso il Liceo Scientifico.
Quindi .... attendo prima di rispondere a Mimino Pomarico. Sono abituato a NON DIRE GATTO SE NON CE L'HO NEL SACCO. Grazie. Franco Arpa

NON VOGLIAMO CHE SI PERPETUI IN ETERNO L'OBLIO DI EMILIO MONACO, ORITANO MARTIRE DELLE FOIBE.

(trasmesso a mezzo fax)

AL COMMISSARIO STRAORDINARIO DEL COMUNE DI ORIA

OGGETTO: MARTIRI DELLE FOIBE. GIORNO DEL RICORDO.

Oggi 10 febbraio si è celebrata in alcune città d'Italia la "Commemorazione del Giorno del Ricordo" in onore delle vittime delle foibe. Il Capo dello Stato nel suo discorso al Quirinale ha fral'altro detto: "In ciascun paese si ha il dovere di coltivare le proprie memorie, di non cancellare le tracce delle sofferenze subite dal proprio popolo........
Guardare avanti sarà il modo migliore di continuare a condividere il dolore di famiglie
come le vostre e ad onorare il sacrificio di quanti caddero senza colpe per l'altrui violenza."

Ad Oria si è registrato un silenzio assordante nonostante un oritano risulta negli elenchi ufficiali dei deportati degli slavi di Gorizia:

-Emilio MONACO di Leonardo e di Maddalena Scarciglia, nato a Oria il 14.4.1898, residente a Gorizia, Guardia di P.S. in servizio presso la Questura di Trieste, arrestato a Gorizia il 23.5.1945. Risulta deportato e dato per deceduto in località ignota. (Fonti: Ministero degli Esteri Sloveno (che lo comprende tra i civili) e Dichiarazione di Morte Presunta del Tribunale di Gorizia (Cfr. Gazzetta Ufficiale parte II del 04/02/1952): arrestato da elementi slavi a Gorizia.)

Auspichiamo che l'oblio nei confronti di Emilio Monaco non si perpetui in eterno e ci affidiamo alla sensibilità della S.V. affinché venga in qualche modo "onorare il suo sacrificio" così come raccomandato dal Presidente Napolitano.

Ci permettiamo di suggerire la ridenominazione o la denominazione di una via cittadina in suo ricordo. Via Pier delle Vigne (personaggio che non ha mai avuto alcuna attinenza con la nostra città) potrebbe diventare, per esempio Via Emilio Monaco - Martire delle foibe.
Distinti saluti.

Oria, lì 10 feb. 2011
F. Arpa - referente Movimento P.I.L.U.

lunedì 7 febbraio 2011

CONTINUA LA TELENOVELA DELLA STRADA COSIDDETTA SANT'ANDREA. RIMARRA' COSI' ANCORA PER UN ANNO???

Sul sito internet della Provincia di Brindisi è stato pubblicato il piano triennale ed annuale delle opere pubbliche. Mi pare di capire che detta strada non sarà praticabile prima dell'inizio dell'anno prossimo. Sbaglio o qualcuno aveva detto che era un obiettivo prioritario?

Fra l'altro si legge:
-Sistemazione idraulica della strada di collegamento tra l’abitato di Oria e la strada statale SS 7, denominata “Sant’Andrea”, importo 200,000 euro, inizio lavori primo trimestre 2011, termine lavori quarto trimestre 2011;

- Completamento della strada di collegamento tra l’abitato di Oria e la strada statale SS 7, denominata “Sant’Andrea”, importo 500,000 euro, inizio lavori terzo trimestre 2011, termine lavori quarto trimestre 2011. Si evidenzia che quest'opera non ha nulla a che vedere con ==>questo comunicato stampa<==

venerdì 4 febbraio 2011

A PROPOSITO DEL LICEO SCIENTIFICO TECNOLOGICO: CHI SA CI DICA... SENZA PELI SULLA LINGUA!

A proposito del previsto avvio dell'indirizzo tecnologico presso il Liceo Scientifico Ribezzo di Francavilla Fontana, che così finirebbe per fare concorrenza al Liceo Scientifico Lilla di Oria, che l'indirizzo tecnologico ce lo ha già, uno dei candidati sindaco di Oria, nonché assessore provinciale all'agricoltura, Pomarico, nei giorni scorsi (clicca QUI) si esprimeva in questi termini: [...il presidente e l'amministrazione provinciale s'impegnino perché la Regione confermi il "no" all'apertura dell'indirizzo tecnologico presso lo Scientifico Ribezzo di Francavilla]. Sulla questione, però, è intervenuto anche il PD di Francavilla F/na (a sua volta ben rappresentato in Giunta Provinciale), opponendosi alla linea di Pomarico (leggi QUI). A noi della Lista P.I.L.U. pare quantomeno singolare che la Regione possa aver deciso di interferire in via autonoma nelle politiche scolastiche brindisine. Ciò, perché, normalmente, è la stessa Provincia a dettare gli indirizzi alla Regione che, in genere, li recepisce in toto. Quindi, in questo caso, secondo prassi, l'assessore provinciale alla Pubblica istruzione Paola Baldassare (in quota all'UDC) dovrebbe aver varato un piano scolastico provinciale. Questo piano dovrebbe essere passato prima dalla giunta provinciale (di cui Pomarico fa parte) e poi essere partito alla volta della Regione. Se così fosse stato, i conti non tornerebbero affatto e l'assessore provinciale Pomarico non potrebbe non essere a conoscenza delle scelte operate dall'organo esecutivo di cui fa parte. Ecco perché chiediamo ai diretti interessati delucidazioni sulla faccenda per capire davvero come stiano le cose. Ci piacerebbe anche sentire il parere dei due consiglieri provinciali Fistetti e Ferretti. Intanto, allo stato, dal prossimo anno l'indirizzo tecnologico dovrebbe rientrare nell'offerta sia del Ribezzo di Francavilla sia del Lilla di Oria. Poi, come accade in questi casi, il responso su quale rimarrà aperto e quale invece dovrà chiudere potrebbe essere tutta una questione di forza, o, se si preferisce, di numeri: chi vanterà più iscrizioni, sopravvivrà. E Francavilla (ben rappresentata anche in Consiglio Regionale), la cui popolazione è numericamente superiore, parte senza ombra di dubbio avvantaggiata.
Oria, lì 4 febbraio 2011

Franco Arpa - Referente Movimento P.I.L.U.

giovedì 3 febbraio 2011

LA VOGLIAMO FINIRE CON IL MECCANISMO ANTIDEMOCRATICO DELLA NOMINA CLIENTELARE DEGLI SCRUTATORI DI SEGGIO ELETTORALE????



AL COMMISSARIO PREFETTIZIO DEL COMUNE DI ORIA
(trasmesso a mezzo fax)

OGGETTO: NOMINA SCRUTATORI DI SEGGIO ELETTORALE.

Negli ultimi quattro anni abbiamo assistito ad Oria (ma anche altrove) al triste “banchetto” della nomina degli scrutatori di seggio elettorale, designati, così prescrive una legge assurda, da consiglieri comunali e quindi dai partiti politici.
Ciò ha creato notevoli malumori fra i cittadini, i quali, in alcuni casi, hanno manifestato il loro pensiero su internet attraverso social network e blog vari.
Ne cito uno a mò di esempio pubblicato nel marzo 2010 sul sito www.arpa-oria.com:

[....sono Alessandro Perrucci. È da tanto che non scrivo sul tuo blog, che continua a fare un’azione meritevole per i cittadini del nostro paese. Il motivo per cui oggi ti invio questa lettera, riguarda le prossime elezioni regionali e, in particolare, i metodi di nomina diretta con cui vengono “selezionati” gli scrutatori dei vari seggi elettorali. Sappiamo tutti che tali soggetti vengono “scelti" da due consiglieri di maggioranza e uno di opposizione (più il sindaco, NdR), perpetuando quel viscido fenomeno diffusissimo qui da noi: il CLIENTELISMO. Sarei davvero contento se quest’anno, almeno per una volta, i partiti rinunciassero a questa loro prerogativa, preferendo effettuare un sorteggio pubblico (magari in Piazza o al cinema) che darebbe davvero a tutti, la possibilità di fare quest’esperienza. A tal proposito, vorrei ricordare che il metodo della nomina diretta, oltre ad essere squallido è anche antidemocratico: infatti, i cittadini che non hanno un consigliere di rappresentanza in consiglio comunale non avranno mai l’opportunità di essere “scelti”. Capisco la ghiotta occasione di ottenere consensi da parte dei partiti, ma allo stesso modo, penso sia giunto il momento di porre fine alla “prostituzione politica” di tanti giovani e meno giovani, la cui ricattabilità li rende fragili e vulnerabili. Pertanto invito i responsabili istituzionali (i consiglieri comunali) a eseguire nomine più limpide e scevre da ogni interesse elettorale.......]

Condivido e faccio mie, oltre che del Movimento Politico che rappresento, le lamentele del Dr. Alessandro Perrucci, ed aggiungo che i 3 ex consiglieri comunali (i due Marinò e F. Caniglia) componenti la Commissione Elettorale insieme alla S.V., col meccanismo di nomine ad personam andranno certamente ad "innaffiare il proprio orticello elettorale e quello dei loro partiti" e non anche quello di eventuali nuovi gruppi che intenderanno candidarsi con proprie liste. Il tutto della serie "al danno si aggiunge la beffa".

Ciò premesso rivolgo cortese istanza alla S.V. affinché venga posto fine a detto meccanismo antidemocratico, oppure, in subordine, venga notevolmente ridimensionato.

Fiduciosi in un positivo riscontro porgiamo distinti saluti.

Oria, lì 03.02.2011
Franco Arpa- referente Movimento Politico LISTA LU P.I.L.U.

mercoledì 2 febbraio 2011

ADDA' TURNA' LU CUMMISSARIU !!!! Era un detto popolare oritano anni sessanta.

All'inizio degli anni Sessanta in Oria vi era un detto che così recitava: "à turnà lu cummissariu!" e ciò si riferiva alle venute in Oria (due volte) del Dr. Ruggero Naselli in qualità di COMMISSARIO STRAORDINARIO. Ho spiegato in passato nel blog www.arpa-oria.com chi era Naselli ... che era anche un conte (di un nobile casato di Gela) e prossimamente dirò altri particolari. Uno ve lo anticipo oggi: IL TORNEO DEI RIONI E CORTEO STORICO nacque grazie ai forti stimoli di Naselli, della sua caparbietà ... e del suo amore per Oria. Nonostante tutto... nessuno ha mai pensato di rendergli i dovuti onori... dargli la cittadinanza onoraria ... intitolargli una via... o altro!

Tornando ai giorni nostri vi preannuncio che in qualità di referente del neonato Movimento Politico LISTA LU P.I.L.U. mi farò promotore una volta insediato il nuovo Consiglio Comunale di proporre l'intitolazione di una via a Naselli e la cittadinanza onoraria all'attuale commissario straordinario, d.ssa Mariarita Iaculli, la quale nel rifare il gonfalone di Oria ha sicuramente dimostrato amore per la nostra città, se si considera che nessuno dei sindaci che si sono succeduti dal 1992 ad oggi si sono accorti che lo statuto comunale è errato.

[Art. 7 - Gonfalone

1 . Il Comune fa uso del gonfalone riconosciuto con D.P.R. dell’1.10.1951.
2 . Il gonfalone è costituito da un drappo partito di giallo e di azzurro, riccamente ornato di ricami di argento e caricato dello stemma comunale con l’iscrizione centrata in argento “Comune di Oria”. Le parti di metallo ed i cordoni sono argentati. L’asta verticale è ricoperta di velluto dai colori giallo e azzurro con bullette argentate poste a spirale. Nella freccia è rappresentato lo stemma del Comune e sul gambo è inciso il nome.
Cravatta e nastro sono tricolori, nei colori nazionali, e sono frangiati di argento.]

CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI - ISTANZA AL COMMISSARIO PREFETTIZIO.


(trasmesso a mezzo fax)
Al Commissario Straordinario del Comune di Oria
Vice Prefetto d/ssa Mariarita Iaculli

OGGETTO: Partecipazione popolare e Consiglio Comunale dei ragazzi.

Premesso che lo Statuto Comunale prevede:

[Art. 9 - Consiglio Comunale dei Ragazzi.

1 . Il Comune allo scopo di favorire la partecipazione dei ragazzi alla vita collettiva può promuovere l’elezione del Consiglio Comunale dei ragazzi.

2 . Il Consiglio Comunale dei ragazzi ha il compito di deliberare in via consultiva nelle seguenti materie: politica ambientale, sport, tempo libero, giochi, rapporti con l’associazionismo, cultura e spettacolo, pubblica istruzione, assistenza ai giovani e agli anziani.
3 . Le modalità di elezione e il funzionamento del consiglio comunale dei ragazzi sono stabilite con apposito regolamento.]

CHIEDE ALLA S.V.:

- di valutare la possibilità di disporre affinchè venga attivata la prevista procedura affinché funzioni tale consiglio comunale dei ragazzi, i quali, a parere di questo Movimento Politico, proprio in questa fase, in assenza di politici all'interno delle istituzioni comunali, potrebbero dare un validissimo contributo per il governo della città e nel contempo sentirsi partecipi alla vita collettiva.

Cordiali saluti.

Oria, lì 2 febbraio 2011

Franco Arpa - referente Movimento Politico LISTA P.I.L.U.


lunedì 31 gennaio 2011

MAGAZZINI ORTOFRUTTICOLI - PROBLEMI VARI - ISTANZA AL COMMISSARIO PREFETTIZIO.


(consegnato al protocollo del Comune)


Al COMMISSARIO STRAORDINARIO del COMUNE di ORIA


OGGETTO: Magazzini ortofrutticoli in area ex polveriera.


E' semplicemente VERGOGNOSO sapere che:

- in detta aerea non esiste la fogna (e non dico altro su questo aspetto!);
- in occasione di piogge si allaga quasi tutto il piazzale;
- alcuni fabbricati presentano infiltrazioni di acqua nei solai, acqua che allaga l'interno di alcuni locali con immaginabili danni ai vari prodotti (compresa frutta secca ed altro);
- alcuni (o molti?) gestori di magazzini ortofrutticoli non hanno mai pagato il fitto mensile al Comune, proprio a causa di tutte queste problematiche da tempo rappresentate e mai risolte dalla decaduta amministrazione e/o Responsabili dei competenti Settori Comunali.

In attesa di riscontro, si porgono cordiali saluti.

Oria, lì 31 gennaio 2011.


Il referente del Movimento P.I.L.U.
Franco Arpa

LOGO LISTA P.I.L.U. (PERSONE INDIPENDENTI E LIBERE UNITE) PER ORIA

ORIA - RELAZIONE ESPLICATIVA DI PROGETTO LOGO LISTA P.I.L.U.

Tavola dei colori: CICLAMINO SFUMATO (idealizzante, sfondo); BIANCO (idealizzante, figure umane stilizzate, contorno di chiusura, sigla e stesura acronimo); GIALLO E BLU (territorializzante identificativi della città, stemma centrale allusivo).

Premessa

Il logo ideato e progettato per la lista civica Lista P.I.L.U. per Oria si propone di racchiudere in sé molteplici significati, in linea con gli indirizzi indicati dal committente. Ogni singolo elemento grafico e cromatico, pertanto, frutto di ricerca e studio accurato, mira a trasporre nel progetto le esigenze comunicative fatte presenti dagli interessati.

FIGURE IN PRIMO PIANO: si tratta di due persone stilizzate, appositamente asessuate, che spiccano un ideale salto con le braccia levate al cielo che, nel punto più alto, entrano in contatto tra loro (ideale mano sinistra della figura a destra/ideale mano destra della figura a sinistra). Ciò, per tenere fede all’acronimo P.I.L.U. (Persone Indipendenti e Libere Unite). In preambolo, la tinta selezionata (bianco) si rifà alla PUREZZA delle intenzioni che confluiscono nel costituendo movimento politico locale.

Proseguendo, si è inteso rappresentare l’INDIPENDENZA da un lato evitando il richiamo seppure sfumato a sigle e simboli di partito già esistenti, dall’altro collocando le due figure l’una sul lato sinistro, l’altra sul lato destro del campo visivo: indipendenti, cioè, eppure intenzionate a condividere un progetto comune, come si capirà più in basso nella descrizione.

La LIBERTÀ è simboleggiata nella fattispecie dall’ideale salto/volo che le due persone spiccano verso l’alto e dal fatto che nel saltare tengono le braccia bene aperte, cioè appunto libere di agire quindi svincolate da qualsiasi legame esterno (altro particolare che richiama in certo qual senso l’INDIPENDENZA di cui sopra).

L’UNIONE o se si preferisce l’UNITÀ di queste persone, perlomeno dei loro intenti, è testimoniata dal contatto tra le rispettive estremità superiori e inferiori (mani e piedi) sinistre e destre (ut supra). Concetto, questo, rafforzato dalla presenza, esattamente al centro del primo piano dello stemma (peraltro vagamente allusivo rispetto al significato gergale dell’acronimo) che si rifà ai colori tradizionali della città.

TERRITORIALITÀ: è data, per l’appunto, dall’inserimento all’interno dello stemma stilizzato delle due tonalità cromatiche che identificano la città di Oria (giallo e blu). Lo stemma è posto, certamente non a caso, al centro del logo (così come l’acronimo P.I.L.U.) per indicare la centralità del territorio e il legame con esso delle persone stilizzate poste in primo piano.

SFONDO: a completamento del progetto, si è optato per una tonalità di sfondo ciclamino lievemente sfumato per assecondare esigenze pratiche e ideologiche. Infatti, la tonalità selezionata è di sicuro impatto visivo e risalta nell’insieme dei simboli attualmente esistenti, quindi si presenta di facile individuazione ottica una volta collocata su supporto cartaceo elettorale e, soprattutto, su scheda elettorale. In tal modo ne è agevolata la riconoscibilità e, quindi, la preferibilità rispetto ad altre opzioni. Per quanto concerne il valore idealizzante, il ciclamino, inteso in senso botanico simboleggia passione, in questo caso e certamente in senso figurato PASSIONE (volendo estremizzare, quasi amorosa) per il proprio territorio d’appartenenza). Inoltre, il fiore ciclamino è simbolo di DIFFIDENZA: nella fattispecie, dunque, diffidenza nei confronti della politica tradizionale e di quanti finora ne siano stati interpreti. Per rafforzare il concetto, basti pensare che in antichità gli estratti di ciclamino venivano impiegati come ANTIDOTO ai morsi dei serpenti più velenosi, che nel caso specifico potrebbero essere identificati, ut supra, dalle minacce esterne, ideali “morsi” di certa politica e certi politici o politicanti che dir si voglia.

Grazie per l’attenzione.

Luca Crescenzo (graphic designer)

È NATA LA LISTA CIVICA P.I.LU. PER ORIA – ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2011

ORIA - Si è costituito ufficialmente il movimento Lista Persone Indipendenti e Libere Unite (P.I.L.U.) per Oria. Il movimento si presenterà alle elezioni amministrative 2011 per il rinnovo degli organi istituzionali del Comune di Oria.

I motivi che hanno spinto il gruppo di cittadini promotori a costituirsi in lista civica, al di là dell’ironia nell’accostamento a Cetto La Qualunque, il fortunato personaggio del comico Antonio Albanese, sono un po’ tutti racchiusi nell’acronimo PILU.

Pertanto, innanzitutto si parla di PERSONE e non di politici (non a caso la “P” non sta per partito) in quanto devono essere i cittadini, o meglio il territorio di cui sono espressione, e non i politici al centro della scena e dell’attenzione. L’INDIPENDENZA da simboli, sigle e personalità politiche già esistenti che, tanto a destra quanto al centro quanto a sinistra (cioè dai principali responsabili del decadimento politico della mala gestio amministrativi locali) è un altro degli elementi fondanti. La Lista PILU, infatti, come si suole dire, non ha colore politico, ma si rifà unicamente ai colori simbolo di Oria, gli unici per cui valga la pena scendere in campo e spendere propri passione, impegno e competenze. L’anelito di LIBERTÀ nelle scelte politiche ed eventualmente amministrative è un ulteriore propulsore del movimento che si dichiara sin d’ora del tutto autonomo e impermeabile a condizionamenti e istanze che non provengano direttamente dalla cittadinanza. L’UNIONE, ossia la coesione del gruppo e dei nobili intenti fa da corollario allo spirito che, sin dalla fase embrionale, ha condotto alla costituzione della Lista PILU: ogni iniziativa, ogni decisione, difatti, sarà il frutto di discussione e dibattito interni a seguito di monitoraggio e “ascolto” costante del territorio, non soltanto durante il periodo per tutti nevralgico della campagna elettorale.

La Lista PILU condanna fermamente e prende le distanze da qualsivoglia pratica clientelare e dai tradizionali proclami elettorali dei cosiddetti partiti tradizionali che – dati e fatti alla mano – durano giusto lo spazio di qualche comizio. La Lista PILU, pertanto, presenterà un programma elettorale estremamente snello e pragmatico, ispirato ai classici principi – troppo spesso e volentieri ignorati nel corso degli ultimi anni – dell’economicità, dell’efficacia e dell’efficienza dell’azione amministrativa.

La Lista PILU, nel corso della campagna elettorale che si appresta a condurre, s’impegnerà a evitare fin quando possibile di lasciarsi coinvolgere in sterili polemiche pseudo politiche utili soltanto a gettare fumo negli occhi dei cittadini. Ciò non equivale, ovviamente, a dire che sarà rifiutato il confronto – e pazienza se si tratterà di scontro - sulla base di atti, fatti e misfatti politici e amministrativi purché comprovati. Tutt’altro.

La Lista PILU si propone di portare una ventata di freschezza, pulizia e trasparenza in questa città perché davvero il Comune possa essere considerato dal primo all’ultimo cittadino – elettore o meno, senza distinzioni tra cittadini di serie A e serie B – un’autentica “casa di vetro”, da poter frequentare a proprio piacimento e senza ostacoli, sicuri di essere accolti per quello che si è: i reali padroni di casa. Perché la cosa pubblica non dovrà più essere proprietà privata.

domenica 30 gennaio 2011

LETTERA APERTA AGLI ORITANI E AL CANDIDATO SINDACO POMARICO.

Carissimo Mimino Pomarico,
permettimi di darti il Tu confidenziale in considerazione dei buoni rapporti di amicizia che ci legano.
Ti scrivo la presente lettera aperta per farti (a nome mio personale) i migliori auguri per la Tua, ennesima, candidatura a sindaco di Oria.
Come ben sai da circa una settimana, insieme a degli amici, ho dato vita al Movimento Politico -LISTA LU P.I.L.U. (Persone Indipendenti Libere Unite) - che si prefigge di presentare una propria lista (con proprio candidato sindaco) alle prossime elezioni comunali. Anche noi vogliamo bene alla Nostra Oria, ma rispetto alla coalizione che Tu rappresenti abbiamo un tantino le idee diverse circa uomini, programmi e metodi per amministrare la comunità. Andremo a spiegare meglio ciò alla cittadinanza nelle prossime settimane e comunque qualche assaggio è presente sul nostro sito.

Comunque andrà a finire la campagna ed il risultato elettorale saremo vigili, attenti e poco tolleranti su tante problematiche del territorio.

Vigileremo, per esempio, affinchè nessuna discarica venga impiantata nel nostro territorio che è ad alta vocazione turistica, se non dopo, EVENTUALMENTE, un referendum popolare. E, quindi, non solo in contrada Danusci, ma in nessun altro sito del feudo oritano, sia esso sulla provinciale per Torre, per Francavilla, per Latiano o per Manduria.

Vigileremo che non si ripeta ciò che si stava verificando nel 2001 ai tempi in cui Tu eri vicesindaco con la Giunta Moretto. Ricordi la questione DISCARICA RIFIUTI SPECIALI sulla Via per Manduria che voleva realizzare la Dasco Ecologica srl facente capo alla famiglia D'Antona? Ad ogni buon fine pubblico qui un volantino che allora io ed alcuni amici distribuimmo ai cittadini per informarli del pericolo... che per fortuna .... riuscimmo a scongiurare grazie anche ad un Consiglio Comunale monotematico (richiesto dalla minoranza) che si tenne poco dopo, nel corso del quale intervenne l'allora assessore regionale Saccomanno, funzionari della Regione Puglia ed un esperto del settore, un professore veneto.
Image and video hosting by TinyPic

Conteremo per quanti mesi o anni ancora dovremo sopportare la presenza di quelle ridicole barriere che ostruiscono in parte la strada cosiddetta "Sant'Andrea", in attesa ovviamente del tanto promesso (sempre dalla provincia di Brindisi, come priorità assoluta) completamento della medesima “Sant’Andrea”, l'unica che collega la Città di Oria alla superstrada Brindisi –Taranto.

Conteremo quanti mesi o anni ancora passeranno per veder realizzati i promessi (dalla provincia) n. 3 rondò: Oria- San Cosimo; Oria -Torre S.S.; Oria- Cellino S. Marco e lo svincolo per l’ingresso al mercato ortofrutticolo all’ingrosso (ex Polveriera).
Ed a proposito di ex Polveriera ... e di mercati ortofrutticoli conteremo quanti mesi o anni passeranno ancora prima che vengano ascoltati i continui lamenti degli operatori commerciali ed agricoli che operano in detta area.
E' semplicemente VERGOGNOSO sapere che:
- in detta aerea non esiste la fogna (e non dico altro su questo aspetto!);
- in occasione di piogge si allaga quasi tutto il piazzale;
- alcuni fabbricati presentano infiltrazioni di acqua nei solai, acqua che allaga l'interno di alcuni locali con immaginabili danni ai vari prodotti (compresa frutta secca ed altro);
- alcuni gestori di magazzini ortofrutticoli non hanno mai pagato il fitto mensile al Comune, proprio a causa di tutte queste problematiche.

E per il momento mi fermo qui.
Con stima, Franco Arpa
P.I.L.U., CCHIU' P.I.L.U. PI TUTTI!!!!